Posts

Sky

Come il “Collaborative Rainmaking” aiuta lo sviluppo dei progetti d’innovazione

È notizia di qualche giorno fa l’investimento seed fatto da MobilityUp in Mapadore, la startup che porta l’intelligenza artificiale al servizio del sales. Contestualmente a questo, è stata sancita una joint venture, per mettere a sistema le competenze che Mapadore è in grado di offrire con le opportunità che Nuvolab e MobilityUp possono aggiungere in quanto venture accelerator. Il percorso di accelerazione di Mapadore in Nuvolab è iniziato meno di un anno fa: il sodalizio è stato voluto in virtù dei continui impatti che l’AI sta avendo in maniera  sempre più pervasiva su tutte le industrie. Secondo Harvard Business Review Italia, infatti, la spinta che l’AI porterà nell’ economia sarà poderosa. Dall’ altro lato però, l’Europa risulta essere indietro su questo tema rispetto a Nazioni come Cina e Stati Uniti.

 

Inguscio Bosio Nuvolab Mapadore

Francesco Inguscio, Ceo e Founder Nuvolab, con Fabrizio Bosio, Ceo e Founder Mapadore.

 

L’investimento seed è stato raggiunto grazie ad un importante lavoro di co-creazione, tra i 3 soggetti coinvolti, cioè Nuvolab, MobilityUp e la stessa Mapadore. Noi lo chiamiamo “Collaborative Rainmaking”, ovvero la capacità di lavorare in maniera congiunta su progetti d’innovazione di medio-lungo periodo, allineando best practices e modelli di business differenti, ma complementari all’ interno di un arco temporale lungo. In questo modello, soggetti che potrebbero essere visti come competitor (ad esempio come MobilityUp, acceleratore verticale sul settore della mobilità), all’interno di una programmazione chiara, definita e condivisa, diventano coopetitor, partner con i quali condividere un percorso innovativo. È questa capacità di coniugare interessi diversi e congiungerli verso un’opportunità comune che ci permette di accelerare lo sviluppo di startup e fungere da “punto d’innovazione” per vari stakeholder, che siano persone interessate, partner o possibili competitor.

 

“Se vuoi andare veloce corri da solo, se vuoi andare lontano corri assieme ad altri”

 

 

I progetti di innovazione attraverso co-creazione rappresentano uno dei  punti di congiunzione per chi si lavora come “Innovation Advisor”, ovvero chi ha  la capacità aiutare ‘’le aziende grandi ad essere innovative’’, unendo competenze e capacità di execution. Se da un lato si aiutano startup promettenti ad accelerare il loro percorso, attraverso nuovi clienti o finanziamenti, dall’altro si deve essere in grado di fornire ad aziende interessate soluzioni innovative da integrare nelle Product e Technology Roadmaps, lavorando su obbiettivi comuni che partono da una strategia di innovazione condivisa e costruita insieme.

Se ti stai approcciando per la prima volta a questo mercato, oppure se hai bisogno di approfondire la tua conoscenza, quello che ti consigliamo all’ interno di un progetto di co-creazione è:

  • Dai grande importanza al setup: una strategia d’innovazione chiara, condivisa e socializzata è il primo passo per un’ execution di qualità
  • Valuta con mente aperta: se stai andando ad innovare, probabilmente avrai bisogno di competenze esterne. Valuta tutti i potenziali stakeholder, e non chiuderti opzioni che potresti trovare non percorribili, come il coinvolgimento dei tuoi competitor
  • Appoggiati a un team competente: che sia un team interno, o dei consulenti esterni, inizia ad affidarti a chi conosce le dinamiche d’innovazione. Pensa ad internalizzare il tutto una volta che hai un metodo chiaro. Nel  mentre, investi le prime esperienze in sperimentazioni.

Se sei interessato a parlare di innovation management e delle sfide del futuro in ambito innovativo, saremo più che felici di ascoltare le tue strategie e le relative sfide: contattaci qui.

 

 

 

Mapadore

MAPADORE E MOBILITYUP PER PORTARE L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE NELLA MOBILITA’ – COMUNICATO STAMPA NUVOLAB

Mapadore, startup accelerata da Nuvolab, chiude un round seed con MobilityUp: l’obiettivo è portare l’intelligenza artificiale nel settore della mobilità.

Francesco Inguscio, fondatore e CEO di Nuvolab, il venture accelerator entrato ufficialmente meno di un anno fa per supportare la crescita di Mapadore, commenta così l’operazione: “Abbiamo fortemente voluto questa join venture tra Mapadore e MobilityUp, per rendere sempre più concreto quello che noi chiamiamo ”collaborative rainmaking”: far accadere l’innovazione tramite la collaborazione. In questo caso anche tra due venture accelerator, facendo leva su una startup “condivisa” e un allineamento di strategie”

Cliccando Qui ,trovate il comunicato stampa con maggiori informazioni su questa iniziativa.

mapadore salesforce partner

Sales efficiency e scalabilità: Mapadore entra nella Tribù

Benvenuta Mapadore!

 

Entra a far parte della Tribù la startup Mapadore, una SaaS company che si rivolge sia a grandi aziende che a PMI al fine di ottimizzare, grazie all’intelligenza artificiale, l’attività della forza vendita sul territorio per incrementarne l’efficienza e la capacità commerciale.

 

Nuvolab, come per tutte le startup del sua Tribù, accelera la crescita di Mapadore supportandola nella gestione aziendale, nello sviluppo commerciale e nel fundraising.  Mapadore, infatti, in questi mesi ha aperto un round d’investimento allo scopo di trovare i fondi per poter scalare l’attività all’estero.

Startup in Italy, scaleup abroad non è soltanto un mindset, ma una vera e propria missione che sta già diventando realtà: i ragazzi di Mapadore hanno già aperto una filiale commerciale a Londra grazie alle quale, in poche settimane, hanno intensificato enormemente i rapporti con importanti clienti in UK. Al netto della Brexit, quello anglosassone rimane un mercato molto ricettivo verso le novità e disposto ad investire risorse in soluzioni innovative.

 

Oggi Mapadore è sull’AppExchange di Salesforce e rappresenta un ottimo strumento per tutti coloro che hanno bisogno di un supporto concreto per organizzare gli appuntamenti da clienti dislocati su tutto il territorio. Non solo agenti di vendita ma anche personale tecnico di supporto, manutentori, installatori e tutti coloro che passano molto del proprio tempo lavorativo in viaggio.

Il caso studio più interessante di Mapadore è rappresentato da General Electric. GE Healthcare è oggi tra le prime aziende al mondo nel campo della fornitura di apparecchiature biomedicali ed è in grado di coprire buona parte degli ospedali italiani. Mapadore supporta i tecnici manutentori di GE riducendo drasticamente il loro travel time. La parola d’ordine è efficienza.

 

Quello che Mapadore è oggi è il risultato di una lunga evoluzione tecnologica e di business model, avvenuta anche con il supporto di Nuvolab. Pivot dopo pivot i founder sono passati da una company di sviluppo applicazioni, system integration e consulenza, che negli anni ha sempre posto al centro della propria attività i servizi B2B ad un startup SaaS scalabile e maggiormente efficiente.

Fulvio Iori, uno dei tre co-founder e appassionato di mappe, racconta che: “[…]per anni abbiamo pensato che la rotta giusta fosse a nord-ovest…e invece abbiamo trovato la quadra andando dalla parte opposta!”

Dietro a Mapadore tre co-founder con tantissima esperienza ed entusiasmo: Fulvio Iori, CMO; Vincenzo Gianferrari Pini, CTO; Fabrizio Bosio, CEO. Unica startup della Tribù con founder over 50 (ed oltre 100 anni di esperienza tra AI e multinazionali) ma, conoscendoli, ci siamo resi conto che proprio l’esperienza permette loro di affrontare ogni tipo di difficoltà con molta più tranquillità e consapevolezza.

 

Nuvolab è orgogliosa di dare il benvenuto nella Tribù a questi ragazzi…che l’Intelligenza Artificiale sia con voi.

 

Buon Rainmaking e #AILoveU